Pubblicato in

Forum

Notifiche
Cancella tutti

L’Armatura del progetto: il parco da 60.000 mq

5 Post
5 Utenti
1 Likes
361 Visualizzazioni
Post: 8
Admin
Topic starter
(@glitch)
Membro
Registrato: 3 anni fa

Martedì 15 febbraio alle 20.30 si è tenuto il primo incontro tematico del percorso Officina Vivaio, dal titolo: “L’Armatura del progetto: il parco da 60.000 mq”.

Tema della serata, naturalmente, è stato il parco all’interno dell’area di progetto. Si è parlato quindi del patrimonio arboreo, dei criteri di ripopolazione, del bosco e della sua possibile gestione, delle bonifiche.

Sono interventi, in qualità di relatori, Francesco Radrizzani, agronomo, e Luca Pizzi, geologo, i professionisti che si stanno occupando degli interventi sull’area ex-Isotta.

Diverse le domande da parte dei presenti su vari temi, a cui hanno risposto, oltre ai relatori, anche Beppe Gorla e Angelo Proserpio di Saronno Beni Comuni.


DOCUMENTAZIONE

Qui il video dell'intera serata (da FB, in due tranche):

- prima parte
- seconda parte

Queste invece le due presentazioni illustrate nella serata:

- Presentazione Francesco Radrizzani - Agronomo
- Presentazione Luca Pizzi - Geologo


V'invitiamo a utilizzare questo thread per commenti e domande. 

Risponderemo ove possibile e prenderemo nota di ogni idea e considerazione.

Tag argomenti
4 risposte
Post: 1
(@aceleghin1)
Membro
Registrato: 2 anni fa

Ho seguito l'ultimo incontro on-line e quello over-35 in presenza.

Complimenti per il progetto e per l'entusiasmo che ci mettete!

Non ho particolari suggerimenti, mi piacerebbe solo che il parco non fosse banale e a regime fosse vissuto da persone di tutte le età: bambini, giovani, studenti di Brera, adulti e anziani. Qualche spazio di aggregazione, cioè piazze per leggere, studiare, rilassarsi e incontrarsi immersi nel verde.

Magari qualche zona vicina al bosco dove venisse favorita la presenza di animali.

Grazie!

Rispondi
Post: 1
(@marco-pavia)
Membro
Registrato: 2 anni fa

Mi chiedevo se avete pensato a qualche nuova soluzione per collegare il parco al centro città, attualmente mi pare di capire che il passaggio principale è il sottopassaggio trenord e in alternativa i sottopassaggi di Via I Maggio e Via Milano che diciamo non sono il massimo (via Milano in particolare) .

Sarebbe possibile creare un ponte ciclopedonale che dal parco arrivi su via Milano superando i binari? mi rendo conto che la mia idea è costosa e complicata ma potrebbe nascere qualcosa di bello che incrementi sia la fruibilità che l’attrattiva di tutto il complesso.

 

Saluti

Marco

Rispondi
Post: 1
(@stefano)
Membro
Registrato: 2 anni fa

Ho seguito l'ultimo incontro in presenza (L'armatura del progetto), lodevole la trasparenza e l'entusiasmo, grazie per la possibilità di partecipazione.

Il concetto di bene comune è molto bello, prendersi cura di uno spazio pubblico creando un senso di appartenenza. Siamo abituati a prenderci cura degli spazi pubblici innanzitutto evitando di sporcare o danneggiare le aree che frequentiamo, più raramente le difendiamo da chi non ha rispetto.
L'idea che volete far passare sembra vada oltre, vorrei capire se pensate a un sentimento più profondo di appartenenza oppure si dovrebbe fare di più nel pratico, quindi occuparsi del bene comune, con gratuità.

Durante la serata avete citato Piazza Libertà, ragionando appunto sul senso di appartenenza dei saronnesi verso questa piazza. Tale piazza tra le altre ha un'importante caratteristica, ossia quella di essere uno snodo pedonale, un luogo di passaggio inevitabilmente frequentato.
A tal proposito vi chiedo se sia possibile spezzare in due il bosco creando un largo viale ciclopedonale che colleghi l'intera area con Via Milano. Sarebbe motivo di maggiore frequentazione, anche solo per passarci attraverso, poi da cosa nasce cosa.

Se non sbaglio su via Milano avete previsto solo un accesso di servizio.

Saluti

Stefano

Rispondi
Post: 1
(@fabio84)
Membro
Registrato: 2 anni fa

Prima di tutti vi faccio i complimenti per l'iniziativa e l'impegno che ci state mettendo.

Di seguito inserisco qualche spunto:

  • il parco può diventare il punto di accesso per chi raggiunge Saronno tramite il treno a un ecosistema di parchi più grande (parco del Lura, parco delle Groane), sperando che anche il comune faccia la sua parte per la creazione delle piste ciclabili di collegamento. Da questo punto di vista bisognerebbe trovare un modo per informare i visitatori sui percorsi di medio raggio disponibili e magari mettere un punto per l'affitto di biciclette. Il cicloturismo è sempre più apprezzato e potremmo attirare persone dalla vicina Milano, valorizzando meglio la bellezza dei percorsi ciclabili soprattutto del parco del Lura.
  • sarebbe bello inserire qualche struttura sportiva a un prezzo calmierato per fare vivere il parco, offrire un servizio ai cittadini e fornire uno spazio di aggregazione gratuito o quasi ai ragazzi (vedi esempio dei campi da tennis al parco degli Aironi o dei campi da bocce del Parco Industria Alfa Romeo al Portello). Si potrebbero inserire campetti multisport (tennis, calcetto, basket), pareti di arrampicata.
     
  • per favorire la fruizione del parco da parte dei bambini, invece dei soliti giochi già presenti nei diversi parchetti di Saronno, si potrebbero inserire dei giochi più ricercati, guardando all'esempio dell'Austria, dove si trovano giochi particolari, per esempio giochi d'acqua dove viene ricreato un piccolo ruscello con tanto di dighe azionabili dai bambini (qui qualche esempio)
  • si potrebbe trovare la collocazione per un'area cani (in zona non ce ne sono), magari inserendo qualche percorso e farla gestire a qualche associazione che faccia dei corsi di addestramento.

Grazie!

Rispondi
Condividi: